Ingredienti:
Asparagi 500 gr
Speck 200 gr
Parmigiano Reggiano q.b

Curiosità e consigli:
Le prime ricette realizzate con l’asparago risalgono all’antico Egitto di 2.000 anni fa. Di asparagi ne esistono di diverse colorazioni e sapori: quelli bianchi sono i più delicati, i verdi hanno l’aroma più intenso e i viola sono quasi amarognoli. Fanno bene all’umore perché ricchi di triptofano, un amminoacido che serve per la sintetizzazione della serotonina, l’ormone della felicità. L’asparago è ricco di vitamine A-C-E, oltre che di sali minerali e dell’importante acido folico (vitamina B9). Contiene inoltre l’asparagina, un diuretico naturale. Consigliato a chi soffre di ritenzione idrica perché aiuta l’organismo depurandolo e disintossicandolo. Utile anche per migliorare la digestione e i movimenti intestinali.

Difficoltà: facile
Cottura: 45 min.
Preparazione: 30 min.
Dosi per 4 persone
Costo: medio

Procedimento:

In una pentola larga, o nel cuoci asparagi, versate acqua sufficiente per coprire gli asparagi (almeno due dita sopra) e portate a bollore. Nel frattempo tagliate la parte estrema del gambo degli asparagi (quella più chiara) e lavateli bene sotto l’acqua corrente facendo attenzione alle punte che sono la parte più delicata dell’ortaggio. Con l’aiuto di un pelapatate togliete la superficie filacciosa. Risciacquateli ancora e sono pronti per essere cucinati. Quando l’acqua bollirà, adagiate gli asparagi con delicatezza e cuoceteli per circa 20-25 minuti, dipende dalla loro dimensione. Saranno cotti quando anche la parte finale dell’asparago sarà diventata morbida. Scolate gli asparagi dall’acqua facendo sempre molta attenzione alle punte. Lasciateli raffreddare. Accendete il forno a 200 gradi. Una volta raffreddati, avvolgete due o tre asparagi in una fettina di speck e, infine, spolverateli con il Parmigiano Reggiano grattugiato. Infornate per 15-20 minuti circa e, se desiderate una crosticina croccante, accendete il grill del forno gli ultimi cinque minuti di cottura. Serviteli tiepidi. Sono ottimi come antipasto o contorno, peccato che la loro stagionalità sia breve: solamente da fine marzo a giugno, ma è possibile congelarli (dureranno dai 6 agli 8 mesi in freezer) per averli sempre a disposizione durante tutto l’anno, per realizzare cremosi risotti oppure deliziose vellutate.

 

Ricetta del mese: INVOLTINI DI ASPARAGI, SPEAK E FORMAGGIO
Condividi